La Robur di Grottammare

(foto di cui ringrazio Gianni Luciani e Filippo Bruni)

Questa, datata 1962, appartenente alla raccolta di Gianni Luciani, è una foto speciale, e vale la pena di pubblicare integralmente l'e-mail, nostalgica e appassionata, con cui Filippo Bruni me l'ha mandata. Filippo è un Grande, non ci sono discussioni.
 
----- Original Message -----
From: Filippo Bruni
To: Paolo Turco
Sent: Saturday, March 29, 2003 12:05 AM
Subject: Emozione
 
Caro Paolo, domenica a casa di Gianni Luciani abbiamo visitato in largo ed in lungo il tuo sito con grande gioia ed emozione nel ricordare, grazie a te, i momenti più belli della nostra adolescenza.
Poi Gianni mi ha mostrato una foto del 1962, che credevo persa per sempre.
E' la foto della rinascita della Robur e che ci ha visto protagonisti.
Nel 1957, dopo anni di gloriosa militanza, la "vecchia" Robur si spegneva.
Il Campo sportivo lasciava posto al Lungomare della Repubblica e cosi, senza struttura, la fine.
Per circa cinque anni per giocare a pallone si "utilizzava" la spiaggia, il Parco delle Rimembranze, lo spiazzale davanti allo "Stabilimento", ed altri posti dove ci si arrangiava.
Ma nel 1962, come l'Araba Fenice, la Robur risorge.
Venimmo convocati, noi giovani appassionati, dal signor Iobbi presso la sede del Dopolavoro, che era in corso Mazzini dove oggi sorge il Market di Luigi Ottaviani  (ex Romolo). Che emozione la consegna delle magliette, calzoncini e scarpe!
Noi prendevamo il posto dei nostri idoli del passato, Manni, Marconi, Giorgietti, Perazzoli, Saguatti, e altri ancora.
Un sogno da non farci stare nella pelle per la gioia e l'orgoglio.
Eravamo senza campo: però si giocava a Cupramarittima e al Campo Europa di San Benedetto. Poi in quello dedicato a J.F. Kennedy (dove ora sorge il grande magazzino dell'Orologio) ed infine al nuovo e attuale comunale che un domani - lontanissimo, speriamo - dovrebbe essere dedicato ad Antonio Casilio, per quanto in questi anni ha saputo fare per il calcio grottese, soprattutto per i giovani, in cui ha sempre creduto.
Ora ti invio la foto di quella storica formazione che ha rappresentato la rinascita del calcio a Grottammare.
Riconoscerai parenti e affini, ma io voglio dettarti la formazione.
Ciao.
Filippo

Accompagnatore, il primo in alto da sinistra, Giammarco Crucioli (sorpresa eh?), poi Gianni Luciani, Paolo Bordonaro, Pierluigi Mecozzi, Paolo Spaccasassi, Alberto Ottaviani, Toto Capocasa, Luigi Ottaviani, Raimondo Capacchietti, Astolfi, Filippo Bruni  e Tullio Baldoni. Quello che si intravede appena forse è il signor Iobbi, che con tanta passione ci ha sempre seguito [si intravedeva nella foto originale, prima del restauro dello stesso Filippo (nota di p.t.)].