POSQUE

di
PIO SALVI
 
 
     
La DumÓniche prime de ‘sta feste,   La Domenica prima della festa
se ‘nfiocche ‘nghe la gljve tutti quonte! con l'olivo s'infioccan tutti quanti!
Du' ast˛ la P˛rme nen ce st˛ tembeste Dov'Ŕ la Palma non c'Ŕ la tempesta...
gu˛rde che ff˛ ‘nu sbruffe d’ ˛cqua sonte! cosa ti fa uno spruzzo d'acqua santa!
Epp¨ lu Lluneddý Ŕ ‘nu parapiglie! Il Lunedý comincia il parapiglia!...
Ummene e donne v˛ ‘ppurt˛ l’ufferte Uomini e donne portano l'offerta...
E pre carre a vedÓ le bbŔlle figlie, Per correr a veder le belle figlie,
li ‘giuvin˛tte pu’, st˛ tutt’all’erte! i giovanotti stanno tutti all'erta.
Lu Marteddý ‘mmatine, preste preste, Il Martedi mattina, presto presto,
le figlie de Marie v˛ll’a sapÓ le figlie di Maria... va' a saperlo...
V˛ su la cchisce, de ‘nnasc˛ste, leste; vanno alla chiesa di nascosto, leste:
gli ¨mmene qualle ne li pu vedÓ! l'uomo, quelle, non possono vederlo!
Lu Mercurdý ci sto le sbocchett˛te; Mercoledý si fan le sbacchettate;
Lu Giuveddý  ‘nninsu ‘nningnÓ la ggente Il Giovedý in s¨ e in gi¨ la gente
v˛ sburdiŔnne, finchÓ ‘n s'ha stracc˛te, bordeggia, fino a che non s'Ŕ stancata,
a vedÓ li Seppurgre!... FrancamŔnte, a veder i sepolcri!... Francamente,
a dilla pr˛prie camme s' h˛ da dý, a dirla proprio come s'ha da dire,
v˛ 'rrempŔnne le ‘cchisce, ‘n quÓlla scuse, con quella scusa riempiono la chiesa...
de musciarelle e... scurze de lepý!
castagne secche e... bucce di lupini!
E ‘n quÓlla folle epp¨ sta bbŔ li spuse! Nella folla stan bene i fidanzati!
Venardý ‘ssÓre, grond’avvenimente, Venerdý sera grande avvenimento,
‘nghe la prucissiÓ de Criste Murte, con la procession di Cristo Morto.
e Mingenzý ce d˛ trattenimŔnte, Vincenzino ci dÓ trattenimento,
Giggitte c˛ccie ‘nu Bbar˛bba sturte Gigetto espone il suo Barabba storto.
S˛bbete, mentre menzedý arent˛cche, Sabato, mentre mezzodý rintocca
ars˛ne tutte qu˛nte le camp˛ne, risuonan tutte quante le campane
e perchÚ s’aresci˛te li batocche, e visto che si son sciolti i battagli,
le fÓmmene se... ˛ze le sutt˛ne! le donne... si sollevan le sottane!...
E v˛ ju ‘mm˛re a ‘rlav˛sse li pý. E vanno al mare a rilavarsi i piedi.
Se se vade le z˛mbe ‘n gne fa gnente! Se si vedon le gambe... non fa niente!
Nen ce se s˛? le f˛ pre pulizzi'... loro, si sa, lo fanno per l'igiene...
gli ¨mmene int˛nte guorde juttamente! gli uomini intanto guardan ghiottamente!
Lu dý de Posque... nisci¨ne se smove, Il dý di Pasqua nessuno si muove,
e se bbÓve e se m˛gne a crepa pelle, e si beve e si mangia a crepapelle,
Cusciotte, maccar¨, sal˛me, ove, Cosciotti, maccheron, salami, uova,
caci¨, carrobbie, b¨zzere e bbinnelle! calzon, carrube, ed altre cose belle!
Lu Lluneddý de P˛sque, p˛sse, p˛sse, Il Lunedý di Pasqua, passo, passo,
Chi ‘nza fernite angÓre a rendruzz˛ chi non ha ancor finito d'ingozzarsi
Se v˛ ‘rrempi la p˛nze lÓ 'Ssan Mmosse! va a riempirsi la pancia lÓ a San Basso!
A Ssan Franciasche Morteddý se v˛. A san Francesco Martedý si va.
Mercurdý, Giuveddý vie discurrenne, Mercoldý, Giovedý via discorrendo,
fingin’ a la Dumaniche che vvŔ, e fino alla Domenica che viene,
tutti ‘n purg˛nte se lu vŔ pigliŔnne, tutti un purgante si vanno prendendo,
li spezi˛le certe che sta bbŔ!! e lo speziale ci guadagna bene!
Ma Dumaniche p¨ same da c˛pe! Ma Domenica poi... siamo da capo!
Ce rrambicÓme su a Ssan Gruli˛; A sant'Aur[e]lian ci andiamo a arrampicare,
ouh! quonta ggente lu vurrý fa p˛pe, oh, quanta gente lo farebbe papa,
perchÓ glie d˛ pretŔste de magn˛! pel pretesto che offre di mangiare!
Ma angÓ nen v˛ste... Dope sette dý, Ma ancor non basta... Dopo sette giorni,
tra li sal˛me, le ciammelle e l’ove, tra i salamini, le ciambelle e l'uovo,
‘rcumingie la batt˛glie a Ssan Martý, la battaglia riprende a San Martino,
e se ‘cchi˛ppe le sbornie de bbern˛ve! e si piglia la sbornia di bel nuovo!
Ma v˛ste, v˛ste... v˛ste finarmente, Ma basta, basta... basta finalmente,
che f˛ vre¨gne a raccunt˛lle pure! chÚ fa vergogna a raccontarlo pure!
'Nghe vinte dý de ‘bbave e m˛gnamente, Con venti dý di bere e mangiamenti,
la p˛nze ha devent˛ta dura dure! la pance sono tutte dure dure!
Certe che ‘nu paÓse camme quiste, Ma certo che un paese come questo,
che nen allenta m˛je a ‘rrempý la p˛nze, che mai rallenta  a riempirsi la pancia,
nne lu recorde e m˛nghe lu su viste!... non lo ricordo e mai neppur l'ho  visto!
Ma ‘mbŔ, che cce vu f˛ sarr˛ n’us˛nze! Ma cosa ci vuoi far, sarÓ un'usanza!
Per˛ ‘st’us˛nze nn’Ŕ la nostra sale, Usanza che non Ŕ soltanto nostra
ma cacchecc¨se f˛ vený sta f˛me! c'Ŕ qualcosa che fa venirci fame!...
Senze quest’˛rie, senza quistu sale, Senza quest'aria, senza questo sole,
nen se deggerarý t˛nti sal˛me! potremmo digerir tanto salame?
Gruttamm˛re, crim˛teche, ’nvern˛le, Grottammare, climatica, invernale
ce f˛ magn˛ mac˛re... senza s˛le. ci fa mangiar, foss'anche... senza sale.
   
   
(la versione in lingua a fronte Ŕ di p.t. - 2002)  
 
 
Pubblicata nel 1907 a scopo di beneficenza