La Corriera per La Ripa (settembre 1911)
 
di
EMILIA PIANETTI
 
 
     
Preima, c¨ le carrozze, o m˛le o bbe' Prima, con le carrozze, ad un dipresso,
t˛nte a La Ripa se putý 'rriv˛ alla Ripa riuscivi ad arrivarci
ma con quesci ˛tum˛bbele d'addŔ ma con queste automobili di adesso
l'aff˛re Ŕ sirie e s¨gnece pens˛! Ŕ un affar serio e bisogna pensarci!
   
Dunque se ten' 'n mmente de partý E se ti viene in mente di partire
mittete l'Uje S˛nte j¨ 'n sacc˛ in tasca l'Olio Santo Ŕ meglio avere
e perchÓ non te n'˛bbia da pentý e perchÚ non te n'abbia da pentire
purtate caccheccusa pe' magn˛. portati pure da mangiare e bere.
   
ChÚ ssa mmÓchena o in luche de salý ChÚ 'sta macchina o, invece di salire,
abbiŔnne de bb˛tte a rincul˛ cominciando di botto a rinculare,
te schi˛ffa ditte f˛tte ju 'n Tiscý, gi¨ nel Tesino ti manda a finire,
o se f˛ notte e non p˛ ppi¨ arrang˛. o si fa notte e non pu˛ pi¨ marciare.
   
E allara preima ch'abbia lo ChaffŔ E se l'Autista non trova lý intorno
prunte li v¨ per f˛tte strascin˛ un par di buoi per farti trainare
sugna che spitte che se f˛ccia dŔ. tocca aspettare che si faccia giorno.
   
(la versione in lingua a fronte Ŕ di p.t. - 2002)  
 
 
  Fotografia Archivio Sgattoni